Riconoscere lo stile di un mobile antico può essere un’impresa affascinante, ma richiede occhio attento e conoscenza dei dettagli. Ecco alcuni consigli per orientarti:

RICONOSCERE I MOBILI ANTICHI

Forma e struttura:

  • Armonia tra linee rette, curve e simmetriche: Barocco (XVII secolo)
  • Curve sinuose e asimmetriche: Rococò (XVIII secolo)
  • Forme geometriche e rigore: Neoclassicismo (fine XVIII – inizio XIX secolo)
  • Elementi massicci e robusti: Rinascimento (XV-XVI secolo)

Materiali:

  • Legno massello: la scelta primaria per mobili antichi
  • Tipi di legno:
    • Rovere e noce: Rinascimento
    • Noce, mogano e intarsio Boulle: Luigi XV
    • Mogano e radica: Luigi XVI
    • Legni esotici: Impero
  • Decorazioni:
    • Intarsi in bronzo dorato: Luigi XV
    • Marmi e pietre dure: Neoclassicismo
    • Bronzi dorati e applicazioni in ottone: Impero

Dettaglio e finiture:

  • Maniglie e pomelli: in ferro battuto o bronzo dorato, variano a seconda dello stile
  • Piedi: a zampa di leone (Barocco), cabriolé (Luigi XV), a sciabola (Luigi XVI), a grifone (Impero)
  • Finiture:
    • Patina: segno distintivo del tempo, conferisce un aspetto caldo e vissuto
    • Laccatura: tipica del Rococò e del Neoclassicismo
    • Doratura: presente in vari stili, soprattutto Barocco e Impero

Etichette e marchi:

  • Presenti in alcuni mobili, possono indicare l’epoca e la provenienza

Ricerca e confronto:

  • Confronta il mobile con immagini di mobili antichi di epoche diverse
  • Consulta libri e guide specializzate
  • Richiedi l’aiuto di un esperto antiquario

Ricorda:

  • L’autenticità di un mobile antico è determinata da vari fattori, tra cui età, materiali, stile e provenienza
  • Se hai dubbi, consultaci per una valutazione accurata

Con un po’ di attenzione e studio, potrai riconoscere lo stile di un mobile antico e apprezzare la sua bellezza e il suo valore storico.